BAILO, Osvaldo

Ciclista – (Serravalle Scrivia, 12 settembre 1912 – 28 febbraio 1997).

È figlio di Luigi Bailo, un buon ciclista, e di una sorella del grandissimo Costante Girardengo. La miscela genetica è quella giusta. Giovanissimo, Osvaldo sale in bicicletta dimostrando di avere la dinamite nei garretti. Insomma fin da subito si vede che ha la stoffa per diventare un ottimo velocista.

La prima tessera da ciclista

Sotto l’occhio attento dello zio, spopola infatti nella categoria dilettanti, dove è iscritto fin dal 1930.

Coppa San Giorgio. Da Il Piccolo, 30 aprile 1932

Un articolo comparso ancora nel 1932 su Il Piccolo documenta la vittoria di Bailo al primo campionato provinciale ciclistico dei Giovani fascisti su 170 concorrenti, a testimonianza della popolarità di questo sport in quegli anni, soprattutto nella nostra provincia.

Una delle prime volate vinte da Bailo

Osvaldo passa successivamente fra gli indipendenti proseguendo nella sua crescita di atleta. Non è uno scalatore e forse gli manca un po’ di cattiveria negli sprint. Alla cura di questo difetto ci pensa ovviamente il “Gira”, come ammette lo stesso Bailo in un’intervista comparsa sul Novese nel 1989 curata da Gennaro Fusco.

Alcune gare per dilettanti lo vedono trionfare con la maglia dell’Aquila Fegino. In un ordine d’arrivo comparso il 27 ottobre 1933 su Il Piccolo lo vediamo vincitore in una corsa a Isola Sant’Antonio. Suo compagno, giunto quinto è Primo Zuccotti, anch’egli serravallese, più giovane di tre anni. I due hanno corso già insieme nella squadra ciclistica del Circolo Santo Stefano di Serravalle, il circolo della gioventù cattolica che conta più iscritti di tutta la diocesi, compresa Tortona.

Bailo vince a Isola Sant’Antonio. Zuccotti è Quinto

Nel 1933 corre la sua prima Milano Sanremo e giunge terzo alla Targa Città di Legnano. La prima vittoria arriva l’anno successivo nel 1934, quando passa fra i professionisti partecipando alla corsa in linea Alessandria Fegino.

Nonostante l’appoggio del proprio mentore e le sue indubbie capacità quelli erano gli anni degli scontri fra Bartali e il promettentissimo Fausto Coppi. I big del ciclismo erano sempre alla disperata ricerca di buoni gregari. In più di un’occasione proprio Bartali lo avrebbe voluto in squadra, ma Bailo declina l’offerta preferendo la libertà nella conduzione delle proprie gare.

La stoffa comunque c’è. Nel 1935 con la maglia della Wolsit, vince la 2ª tappa del G.P du “Journal de Nice”, nel 1937 con la Legnano & Urago trionfa al Giro di Romagna e si aggiudica la Coppa Guttalin. Vince per distacco il Gran Premio di Schio.

Nel 1938 passa alla Bianchi vincendo la Coppa Zucchi e il Trofeo dell’Impero. Al Giro del Veneto, valevole come prova del Trofeo dell’Impero, la giuria assegna la vittoria a Secondo Magni. Di tutt’altro avviso resta il pubblico che, convinto del guizzo finale di Bailo, gli tributa il giro d’onore.

Giro del Veneto 1938. La Stampa 18 ottobre 1938

Al giro di Lombardia del 1938 si piazza al terzo posto dietro a Cinelli e Bartali. L’anno successivo è terzo alla Milano Sanremo, vinta dal Gino nazionale.

L’articolo de La Stampa sulla Milano Sanremo del 1939

Il 1940 lo vede assoluto protagonista nelle prime fasi del Giro d’Italia, quando possono, lontani dalle montagne, spopolare i velocisti. Bailo indossa la maglia Rosa per la Gerbi al termine della seconda tappa mantenendola anche il giorno successivo.

Quel giro, vinto da Fausto Coppi, lo vide ritirarsi all’ottava tappa.

Bailo insomma non è un corridore da corse a tappe, ma nelle corse in linea è tutta un’altra musica. Vince pertanto il 13 ottobre il Giro dell’Emilia e il 27 ottobre sfiora il colpaccio al Giro di Lombardia giungendo secondo alle spalle di Bartali.

Nel 41 inanella tre vittorie: Campionati italiani Indipendenti, Giro delle Marche (al secondo posto Zuccotti) e G.P. di Ancona e nel 1942 per la Viscontea trionfa al Giro del Lazio e nel Circuito del Lario.

Il Popolo Derthonino annuncia la vittoria di Bailo nel Campionato Italiano Indipendenti del 1941
Giro delle Marche 1941. Bailo primo e Zuccotti secondo
Vittoria di Bailo al Giro del Lazio
Bailo negli anni 40

Nel 1946 vince la Coppa Bernocchi ed il Giro della Svizzera Romanda. Sono gli ultimi risultati e nel 1947 arriva il ritiro.

Il Popolo Derthonino. 30 maggio 1946. Bailo si aggiudica la Coppa Bernocchi.

Muore a Serravalle il 28 febbraio 1997. Il suo soprannome serravallese è Öve. Lo vogliamo ricordare tuttavia così, con questa immagine assai intensa.

Riccardo Lera

"Io nella vita ho fatto tutto, o meglio un poco di tutto" (Uomo e galantuomo di Eduardo De Filippo) Pediatra, scrittore per diletto, dal 2002 al 2012 assessore alla cultura di Serravalle Scrivia; ex scadente giocatore, poi allenatore e ora presidente del Basket Club Serravalle.