La collezione Santo Varni

Santo Varni (Genova, 1º novembre 1807 – Genova, 11 gennaio 1885) è stato uno scultore genovese del diciannovesimo secolo.

Santo Varni

Perfezionatosi a Firenze, la maggior parte delle sue opere si trovano all’interno del Cimitero Monumentale di Staglieno. Al di là della sua attività di scultore, Santo Varni amava visitare l’entroterra ligure spingendosi fino a Gavi e a quella Libarna appena dissepolta.

Su alcuni quaderni amava disegnare ciò che in questi luoghi colpiva la sua attenzione. Un po’ come oggi accade quando si scatta una fotografia. Inoltre a Libarna si divertiva a raccogliere le pietre dure che un tempo avevano arricchito i monili e i gioielli dei romani. Questa collezione, dopo la sua morte, era rimasta di proprietà dei discendenti. Su indicazione della Soprintendenza ai Beni Archeologici della Regione Piemonte e con finanziamento della Regione Piemonte, l’Amministrazione Comunale con Sindaco Antonio Molinari riesce, nel 2007, ad acquistare sia i quaderni sia la collezione di pietre dure che, nel 2015, l’Amministrazione Comunale con Sindaco Alberto Carbone, è riuscita ad esporre nelle sale museali poste al piano terra del Municipio.

I quaderni debbono essere ancora studiati per poterli far conoscere al grande pubblico.

Torna alla HOME

Riccardo Lera

"Io nella vita ho fatto tutto, o meglio un poco di tutto" (Uomo e galantuomo di Eduardo De Filippo) Pediatra, scrittore per diletto, dal 2002 al 2012 assessore alla cultura di Serravalle Scrivia; ex scadente giocatore, poi allenatore e ora presidente del Basket Club Serravalle.