Gainotti, Luigi – Pittore

Luigi Gainotti (Parma, 29 ottobre 1859 – Genova, 4 giugno 1940), pittore, attivo soprattutto in Liguria.

Luigi Gainotti (disegno ricavato dal suo autoritratto)

Figlio del pittore Ireneo Gainotti, ancora bambino si trasferì con la famiglia da Parma a Sampierdarena, sobborgo industriale di Genova; a Genova frequentò lo studio di Nicolò Barabino, seguendo anche i corsi di pittura tenuti dal maestro sampierdarenese presso l’Accademia Ligustica di Belle Arti.

In breve si impose come uno dei migliori allievi dell’Accademia e nel 1878, a soli 19 anni, realizzò un grande affresco raffigurante l’Adorazione dei Magi nella prima chiesa di Nostra Signora delle Grazie, a Sampierdarena, ispirandosi ad un’opera dello stesso soggetto dipinta alcuni anni prima dal Barabino per la parrocchiale di Camogli. Nel 1893 divenne egli stesso accademico della Ligustica e in seguito anche titolare della scuola di disegno. Collaborò con lo stesso Barabino e condivise uno studio con Francesco Semino, con il quale collaborò in alcune occasioni.

Durante la sua lunga carriera produsse moltissime opere, tra dipinti e affreschi; i suoi soggetti spaziavano dai ritratti, per i quali fu molto apprezzato, ai paesaggi, e proprio in questi ultimi, libero dai vincoli imposti dai committenti, seppe esprimersi con maggiore spontaneità. La sua produzione più vasta è comunque quella degli affreschi a soggetto religioso, per i quali venne definito “il pittore delle cento chiese”. Nel 1892 realizzò un grande affresco nella volta del teatro Carlo Felice di Genova, andato distrutto a causa dei bombardamenti della seconda guerra mondiale; del dipinto, che raffigurava una ghirlanda di putti con i simboli della musica, sono conservati due bozzetti, a tempera su carta, presso la Galleria d’arte moderna di Nervi.
Nel 1911, con altri pittori, contribuì alla realizzazione degli affreschi nella volta della navata centrale della nostre Insigne Collegiata dei SS. Martino e Stefano. Particolarmente degna di nota, in quest’ambito, l’opera La lapidazione di Santo Stefano, realizzata nella volta del Coro.
(Fonte delle notizie biografiche: Wikipedia).

Torna alla HOME

Benito Ciarlo

Calabrese di Montalto Uffugo (CS), dov'è nato nel 1950. Vive a Serravalle Scrivia (AL) dal 1968.