Pruvèrbi d-Seravále (prima puntata di tre)

Raccolti da Natale Magenta e pubblicati da Novinostra

La storia di un paese è da sempre segnata dal succedersi degli eventi e dalle persone che lo abitano o lo hanno abitato. Ma è anche fatta di piccole cose che ne segnano lo scorrere del tempo, gli anni, i mesi, le giornate. Tra queste piccole cose, negli anni passati, i proverbi hanno giocato un ruolo importante e accompagnato la vita quotidiana degli abitanti, segnando abitudini, stagioni, fatti, pregi e difetti delle persone.

Chieketè desidera presentarVi una gustosa collezione di proverbi serravallesi, raccolta dall’inesauribile Nene Allegri e pubblicata da Natale Magenta su Novinostra, nell’ambito della ‘Paremiologia del Novese’, titolata “Pruvèrbi d-Seravále”.

Un ringraziamento particolare va alla signora Anna Priora che ci ha segnalato questa pubblicazione.

Vi proporremo questa interessante sequenza dei proverbi serravallesi suddividendola in tre puntate.

Nell’augurarVi una divertente lettura magari in compagnia della famiglia o degli amici, Chieketè vi chiede, se la cosa vi piace, di inviare alla nostra Redazione ( redazione@chiekete.eu ) eventuali proverbi delle nostre zone che non sono presenti in questa raccolta. Li pubblicheremo, citando la fonte, in una miniraccolta a valle della terza puntata.

Mino Schiaffino – Panorama di Serravalle

A lègna d-fígu a cuióuna l-amígu
Il legno di fico inganna l’amico

E córpu saun u písa de spésu cmè n-cáun
Il corpo sano piscia spesso come un cane

A sáunta Cateréina a ruzó a véna préina
A santa Caterina la rugiada diventa brina

Féin che i sási i váun áe fóundu, cuióuni u-g ne sará sáimpre áe móundu
Fintanto che i sassi vanno a fondo, al mondo ci saranno sempre gli stupidi

Dóne e óche téntne póche
Donne e oche: tientene poche

Sant-Antóniu gran fredüa, San Luáinsu gran caldùa: öina e l-òtra pócu i düa
A Sant’Antonio (c’è) gran freddo, a San Lorenzo (c’è) grande caldo: ma l’uno e l’altro durano poco

Dághe ae cáun c-l-è arabiò
Percuoti il cane fin che è arrabbiato

A lègna d-úrmu a ne scòda nè e cù nè e fúrnu
Il legno d’olmo non scalda né il sedere, né il forno

L-ómu, a bála pù grósa c-u pö  fò, l-è víve da súlu e n-se spuzò
L’errore più grosso che l’uomo può fare è vivere da solo e non sposarsi

Chi vö fò tánte mústu, c-u còva a víghe áe máis d-agústu
Chi vuole ottenere tanto mosto, zappi la vite al mese d’agosto

Quan ti trövi quèi dèe Quò, túgghe a máun e lásii ndò
Quando incontri quelli di Arquata, tocca loro la mano e lasciali andare

Trái dí d-fèsta e öin d-lavú e quèl dí piuvéslu ncú
Tre giorni di festa e uno di lavoro e questo giorno potesse ancora piovere

I lavúi dáa fèsta i-n vòa na pèsta
I lavori fatti nei giorni di festa non rendono un accidente

A giuventü l-è a pü bèla virtü
La giovinezza è la più bella virtù

L-ómu, l-òzi e èe bibéin i són trái cüzéin
L’uomo, l’asino e il tacchino sono tre cugini

Chi n-t-u zögu u spéra sucúrsu, u mústra e bále cmè l-úrsu
Chi spera aiuto nel gioco, mostra i testicoli come l’orso (= rimarrà a mani vuote)

U létu còdu u fa mangiò a süpa fréda
Il letto caldo fa mangiare la zuppa fredda

Ncu a náive n-t-u Giaö, u-n se zmáina mérga ne fasö
Se c’è la neve sul monte Giarolo, non si deve seminare né meliga né fagioli

I pruvèrbi di vègi i fáun muí d-fáme i zúni
I proverbi dei vecchi fanno morire di fame i giovani

E véin bóun l-è n-t-a vigna dèe plandróun
Il vino buono è nella vigna del pelandrone

(informatore: Roberto Allegri)

Mino Schiaffino – Il “campetto” della Chiesa

Torna alla HOME