Pruvèrbi d-Seravále (seconda puntata di tre)

E siamo giunti insieme alla seconda puntata dei proverbi serravallesi.

Questo articolo fa seguito alla prima puntata di una miniserie nella quale Chieketè desidera presentarVi una gustosa collezione di proverbi serravallesi, raccolta dall’inesauribile Nene Allegri e pubblicata da Natale Magenta su Novinostra, nell’ambito della ‘Paremiologia del Novese’, titolata “Pruvèrbi d-Seravále”.

Nell’augurarVi una divertente lettura magari in compagnia della famiglia o degli amici, Chieketè nuovamente vi chiede, se la cosa vi piace, di inviare alla nostra Redazione ( redazione@chiekete.eu ) eventuali proverbi delle nostre zone che non sono presenti in questa raccolta. Li pubblicheremo, citando la fonte, in una miniraccolta a valle della terza puntata.

Mino Schiaffino – Serravalle e i tre campanili

A strò vègia a n-è mòi lóunga.
La strada vecchia non è mai lunga.

S-u piöva a l-Ascenscióun u gh-è róba a bataióun.
Se piove il giorno dell’Ascensione, ci sarà roba in gran quantità.

U-n gh-è nè sáunti nè vangé chi téna a náive n-sé.
Non ci sono né santi né vangelo che trattengano la neve in cielo.

Mòrsu sütu e avrí bagnò, furtünò quél c-l-a smenò.
Marzo asciutto e aprile bagnato, fortunato (sarà) chi ha seminato.

Chi léva n-fiö, u léva n-òsi.
Chi alleva un figlio alleva un asino.

N-avucátu s-u g-á da és bóun, da tórtu u déva dòt rasóun.
Un avvocato, per essere in gamba, deve darti ragione anche se hai torto.

Díu m-n-avòrda dáe cavaliére scadüu e dáe paesán artefátu.
Dio mi guardi dal signore decaduto e dal contadino arricchitosi.

Èe bròghe i ciápa èe cü.
Le brache sono calzanti al culo (detto di un accordo momentaneo).

Se ti vö che l-amicísia a-s manténa, in cavágnu c-u vága e l-òtru c-u véna.
Se vuoi che l’amicizia si mantenga, un cesto che vada e l’altro che venga (= ci vuole una reciprocità di vantaggi).

L-è e còru grósu c-u pórta e fái.
E’ il carro grosso che porta il fieno (— ci vuole la persona adatta per una data impresa).

A san Bastián in-úa áe pásu d-in cáun,
A san Sebastiano un’ora al passo di un cane.

U-n sóuna míga l-Avermaría ncu u scurbéin.
Non suona l’Avemaria con un cestello (—sa quel che deve fare).

Tánte lévre in cácia, öina a füge e l-òtra a scápa.
Quando ci sono tante lepri da cacciare, una fogge e l’altra scappa.

Chi-è c-u n-tía da máunsu, u tía da bö.
Chi non tira da manzo, tira da bue (= chi non lavora da giovane, lavora da vecchio).

Quán che a mèrda a móunta n-scágnu, o c-a spüsa o c-a fá dágnu.
Quando la merda sale in trono, o puzza o gocciola ( = quando un incompetente assume qualche carica, mostra la sua inettitudine).

Pescadú da cána e caciadú da víscu, l-è na fáme c-a-n n-éma mòi vístu.
Chi pesca con la canna e caccia con il vischio, è una fame che non abbiamo mai visto ( = non prende niente).

I sódi d-l-avaróun i váun m-búca áu lecardóun.
I soldi dell’avaro finiscono in bocca al ghiottone.

Quáund u gh-è a náive n-t-u Giö, mèta n-t-u sácu u tó fasö.
Quando c’è la neve sul monte Giarolo, metti nel sacco i tuoi fagioli ( = non seminarli).

Cáumpi in tèsta, dóne n-fèsta, prèvi per la rusò, ne stáine a piò.
Campi di testata, donne in festa, preti al mattino presto, non prendetene.

A san Valentéin tüti i váinti i sčüsa è maéin.
A san Valentino tutti i venti portano il marino.

Mino Schiaffino – Serravalle e i tre campanili (seconda versione)

Torna alla HOME