VIA SAN ROCCO N° 13

Racconto di Marco De Brevi

Via San Rocco N 13

Quando ventenne accompagnavo Maurizio a casa, mi sembrava di essere costretto a percorrere gli  stessi chilometri di quando da bambino i miei, in certi pomeriggi della domenica, decidevano che dovevo smaltire le calorie della merenda con una bella scampagnata “fuori porta”. Imboccavamo la strada per Tassarolo, e camminavamo a passo sostenuto sino a quando non arrivavamo davanti all’edicola di sant’Antonio, ci sedevamo sullo scalino che avrebbe dovuto servire da inginocchiatoio e finalmente, dopo lunga attesa, la mamma tirava fuori dalla borsa il panino con la fettina impanata che era stata avanzata a mezzogiorno.

Per riuscire ad arrivare a suonare il campanello del cancello di Maurizio, se nevicava o se era nevicato da poco, bisognava stare ben attenti a non cadere tanto era mal messa la strada e poi era quasi obbligatorio indossare dei Moon Boots visto che in quegli anni era impensabile che uno spartineve si prendesse l’iniziativa di percorrere anche le strade della periferia. Per andarlo a chiamare non dovevamo provare a raggiungere una villetta abbarbicata sulla riva di una montagna della Val Tournanche! Casa sua era semplicemente in fondo a via Abazia, proprio davanti alla Scuola Materna che naturalmente non era ancora stata neanche ancora prevista e che nessuno mai avrebbe immaginato  che si potesse relegare in un posto così distante dal centro abitato. Il Campo Sportivo dell’allora CSI Libarna era circondato da campi seminati a grano e viale Rimembranza, ammesso che si chiamasse già così, finiva proprio davanti al suo ingresso o meglio, nei pressi dell’abitazione di un signore che non tollerava  le grida dei tifosi che la domenica andavano a vedere la partita e tantomeno i palloni che, quando venivano calciati troppo in alto alti, invece di finire in porta, scavalcavano il suo muretto e finivano  sulle sue fragole o colpivano gli alberi carichi di frutta. Qualcuno “ben informato” diceva che quando riusciva a  catturarne qualcuno non  provasse nemmeno a restituirlo ma che si divertisse  invece ad affettarlo con un coltello. Il primo degli inquilini a traslocare dalla palazzina di via Monterotondo 1 dove abitavo anche io, era stato un signore del primo piano che era riuscito a farsi costruire una graziosa casetta proprio all’imbocco della “Strada della Volpe”. Nessuno sapeva esattamente dove fosse quel posto ed i  pochi che erano riusciti a scoprirlo avevano sentenziato che solo uno sprovveduto avrebbe potuto relegare la moglie e  le due figlie in quell’angolo dimenticato da Dio senza prevedere che sicuramente avrebbe potuto diventare un  facile bersaglio per ladri e malviventi. Quel sentiero detto della Volpe probabilmente  era lo stesso che, negli anni cinquanta, mio suocero o uno sei suoi fratelli, erano dei contadini che avevano la cascina sulla strada della Bollina, percorrevano la domenica mattina per arrivare sino al mercato dove  salutavano gli  amici e riuscivano persino a concludere qualche  buon affare, visto che loro allevavano vitelli e in paese c’erano nove macellerie e persino il macello Comunale. Approfittavano inoltre di essere a Serravalle per comprare dal “Cisculu” dell’ottimo affettato che avrebbe completato degnamente l’antipasto misto che solitamente preparava la domenica la mamma, ottima cuoca. Era la salumeria di Ravazzano in piazza delle Aie, e loro davano per scontato che neanche Gaspare di via Girardengo avrebbe osato competere col suo prosciutto ed il suo salame crudo. Una televisione locale, ma già molto nota nella zona, in Piemonte e in Liguria, con una certa insistenza ed immancabilmente tutte le sere, aveva cominciato a decantare la nuova e paradisiaca “residenza San Rocco” che sarebbe sorta nell’arco di pochissimi anni proprio a Serravalle Scrivia. Le notizie che trasmetteva lasciavano intendere che una grande Società Finanziaria aveva intenzione di trasformare i campi che erano adiacenti ad una certa collina, che tutti chiamavano il Castello  e che era quello distrutto dai Francesi di Napoleone, in un complesso residenziale che nulla avrebbe avuto da invidiare a Milano 2. Nonostante le numerose riprese televisive e le foto dei progetti che venivano reclamizzati dai quotidiani, io proprio non riuscivo a localizzare dove avrebbe potuto sorgere quel Paradiso e mai avrei supposto che a Serravalle potesse esistere una località in grado di prestarsi ad una tal trasformazione.

Io mi sarei potuto giustificare per la scarsa conoscenza  che avevo del paese in cui abitavo, portando come attenuante il fatto di essere un immigrato proveniente da Novi Ligure e di essere arrivato da pochi anni. Un astuto regista aveva fatto inquadrare dalle telecamere le colline che avrebbero fatto da cornice ai cantieri, ivi compresa la chiesetta di Montei. Approfittando di una bellissima e limpidissima giornata, aveva fatto inserire nella ripresa come prima sequenza la catena innevata delle Alpi, aveva fatto una panoramica che partiva dal Monviso e arrivava sino al massiccio del Montebianco e poi aveva fatto filmare anche il Preappennino che comprendeva il monte Tobbio, monte Spineto e la valle dello Scrivia. Aveva anche messo furbescamente bene in primo piano i tetti spioventi dei primi due palazzi  in costruzione che avrebbero dovuto essere considerati  i prototipi di quelli che  avrebbero  far parte di un grande villaggio simile a quelli che si vedevano tra le montagne della Valle d’Aosta. Era tanto accurata la ripresa e talmente rimaneggiate  le foto che nessuno avrebbe potuto immaginare che un simile paradiso potesse venir realizzato in quel di Serravalle. L’amico Aldo, che da novello sposo era venuto ad abitare proprio sotto di me ed in quell’appartamento ci era rimasto per tutto  il tempo  che era stato necessario per farci nascere una  femminuccia e dopo qualche anno anche un maschietto, aveva deciso di traslocare perché aveva trovato un appartamento più consono ad una famiglia di quattro persone. Aveva deciso di andare a stare proprio nel nuovo ed enorme palazzo bianco, col tetto spiovente, che era stato costruito nel neonato viale della Rimembranza, di fronte alla Cascina San Rocco. Entusiasta del suo acquisto non appena aveva completato di arredare tutte le camere, ci aveva invitato ad andarle a vedere. Quella enorme costruzione tra i campi mi aveva dato subito l’impressione che dovesse rimanere la solita cattedrale nel deserto, nonostante avesse già accolto già diversi inquilini e, grazie alla sua imponenza, avesse contribuito a delineare il tracciato di quello che sarebbe diventato il viale della Rimembranza. Naturalmente, essendo l’appartamento al terzo piano  lui adesso poteva godere di un panorama  che non era certo paragonabile a quello che riusciva a vedere dal secondo della casa che aveva lasciato. Lui dal poggiolo della cucina di via Monterotondo 1 si era trovato ad avere in primo piano insieme alla  biglietteria dell’autostrada e il distributore della BP, delle montagne di sale da spargere in caso di neve o gelo su tutta l’A7, e come sfondo la massicciata su cui  nel 1851 avevano posato i binari della ferrovia Torino Genova, ora dalle finestre poste a Nord vedeva la Cascina San Rocco con quasi tutti  i suoi campi ancora coltivati a grano, il parco della casa patronale circondata da cipressi alti almeno venticinque metri e come sfondo tutta la strada costiera che congiungeva la chiesetta di Montei al nuovo rione di Ca’ del Sole che si poteva considerare oramai completato. Quando si affacciava da quelle a nord poteva tranquillamente dire di avere davanti tutto il paese a partire da Porta Genova all’Autostrada, era un’autentica tavolozz aricca di colori tutti diversi tra loro, composta  dai tetti e dai muri delle case e dei palazzi, naturalmente poteva vedere tutto il paese di Stazzano col suo Seminario e Monte Spineto e intravvedeva  persino la  torretta della villetta di Maurizio.

 La Finanziaria che avrebbe dovuto dar vita alla nuova Milano 2dicevano che avesse dichiarato banca rotta ma, qualcuno per fortuna aveva capito che era solo quella la zona che permetteva al paese di espandersi,  infatti sulla sinistra del palazzone bianco una ruspa stava  già scavando e si capiva che erano delle fondamenta e che, dalle loro dimensioni, non potevano essere sicuramente quelle di una villetta monofamiliare. Quelle buche riempite di cemento armato, avrebbero retto il palazzo Rosa dal tetto spiovente in cui io  e mia moglie insieme a papà  e la mamma una volta che era stato ultimato, avevamo scelto i due appartamenti  centrali  del secondo piano. Erano caratterizzati da camere molto grandi che si adattavano perfettamente ad una famiglia allargata quale era la nostra composta dai due nonni, due figli e due genitori, (giovani). Per comunicare tra di noi infatti avevamo voluto ricavare un passaggio in una parete per realizzare un unico  grande appartamento. Nello spiazzo antistante, dove i miei bambini per un anno intero si erano divertiti  a fare del ciclocross  sulle “montagnette”,  che poi erano semplicemente  dei cumuli di terra creati dalle ruspe che avevano realizzato le fondamenta della primo palazzo rosa, era stata edificata una palazzina sempre rosa  realizzata  con lo stesso stile di quella grande che mi stava ospitando e, dopo qualche anno, era arrivata anche la sua gemella più bassa  di un piano. Anche il parco della villa patronale della cascina San Rocco si era ridotto lasciando il posto a due villette che, insieme alle due dirimpettaie palazzine rosa, avevano fatto nascere via San Giorgio. Il periodo del ciclocross era purtroppo terminato definitivamente ma… contemporaneamente erano cresciuti anche i miei figli che non si divertivano più, purtroppo, con le mountain-bike o con le BMX. Non era sorta la Milano 2 con le piscine, i campi da golf ed il galoppatoio ma il “quartiere San Rocco” poteva  ugualmente fregiarsi di dar ospitalità al Campo di calcio con annesso campetto per gli allenamenti,  ad una pista da pattinaggio con  piccolo parco giochi, al palazzetto dello sport, a due campi da tennis, al grande parco giochi e soprattutto alla scuola materna e alla scuola primaria di primo grado e di secondo grado,  forse di più e di più importante di quanto fosse stato previsto dalla fantomatica finanziaria. La stradina di campagna che dal campo sportivo portava alla casa di Maurizio era stata trasformato in una larga strada a doppio senso di circolazione , Viale Rimembranza, e lo stesso era avvenuto per l’ ex stradina in salita diventata via San Rocco, era stata resa larghissima ma era rimasta a senso unico  per limitare il traffico davanti alle scuole. Purtroppo la vecchia via Abazia non  era stata allargata come forse avrebbe desiderato Maurizio, probabilmente non era stato fatto intenzionalmente per dare  più spazio alla realizzazione della scuola materna e delle case popolari. Dopo almeno sessanta anni di abbandono, la “ Strada delle Volpi” è tornata ad essere praticabile,  è rinata per  essere un sentiero pedonabile che congiunge i due quartieri nuovi,  il San Rocco e Ca’ del Sole.     Ora che l’ho percorsa non ho più dubbi, è proprio quello che permetteva a mio suocero giovane  di portare a casa l’antipasto tutte le domeniche mattina. Una curiosità  a cui tengo moltissimo e che mi preme spiegare. Scendendo da via San Rocco, sul muro in cemento armato davanti al cancello delle scuole, si notano ancora delle tracce di alcuni vecchi Murales di cui uno rimasto completamente bianco. Li aveva ideati e  fatti dipingere dai  suoi allievi, mia figlia era una di loro, il professore Lorenzo Boioli che, grazie all’interessamento dell’allora Presidente del Consiglio di Istituto che era riuscito abilmente a far pagare la fattura dei colori alla Banca presso la quale era impiegato. Con quel bellissimo lavoro, aveva insegnato ai bambini a dipingere artisticamente i muri e soprattutto aveva voluto far toccare con mano ai Serravallesi,  quanto fossero bravi i loro figli. Lorenzo aveva voluto lasciare uno riquadro bianco per permettere ai grafomani di sfogarsi tranquilla mente evitando di andare ad imbrattare  gli altri muri in paese. Sono al corrente di quel fatto perché ero anch’io membro di quel Consiglio e mi piace che tutti lo debbano conoscere.  Nessuno oggi deve supporre che quel muro sia stato  imbrattato con delle vernici spray da dei monelli o peggio…da dei vandali e speriamo che magari qualche anima buona si decida di restaurare un pezzo della storia delle scuole Martiri della Benedicta. Con questo termino i trittico delle strade che mi hanno accompagnato per almeno sessanta anni e che ancora oggi mi vedono più volte al giorno portare il cagnino Pluto a far pipì, e… si intende che io la cacca la raccolgo!

                                                                           Marco Debrevi

NB. Quando provo ad affrontare certi argomenti lo faccio con lo spirito del nonno che racconta al nipotino di quando era giovane e non con quello dello storico obbligato a citare date, documenti ufficiali e testimonianze.

Torna alla HOME

Riccardo Lera

"Io nella vita ho fatto tutto, o meglio un poco di tutto" (Uomo e galantuomo di Eduardo De Filippo) Pediatra, scrittore per diletto, dal 2002 al 2012 assessore alla cultura di Serravalle Scrivia; ex scadente giocatore, poi allenatore e ora presidente del Basket Club Serravalle.