A Madunéta

La Chiesa fu edificata sui resti dell’edificio del Dazio che si trovava in testa al ponte sulla Scrivia. La chiesetta, particolarmente cara ai serravallesi della Kuntrò ‘d suta e del Lastrico, veniva aperta una volta all’anno e vi si celebrava la S. Messa, in occasione della ricorrenza della visitazione della B.V. Maria a Santa Elisabetta; (col vecchio calendario liturgico la festa cadeva in luglio, mentre oggi è il 31 Maggio).
Poi fu abbandonata, fino a quando, nel 2013, la Parrocchia e l’Amministrazione Comunale ne decisero il restauro che fu portato a termine sotto la supervisione dell’intendenza regionale alle Belle Arti e che restituì la Chiesetta all’antico decoro.

Nel corso degli anni La chiesetta che presidia il Ponte sulla Scrivia, lasciata in completo abbandono subì l’oltraggio degli elementi atmosferici e del tempo assumendo l’aspetto di un rudere.
I restauri effettuati nel 2013 le restituirono l’antico decoro.
Torna alla HOME

Benito Ciarlo

Calabrese di Montalto Uffugo (CS), dov'è nato nel 1950. Vive a Serravalle Scrivia (AL) dal 1968. Ha lavorato In Europa Metalli (ex Delta) come esperto di tutela dell'ambiente e responsabile della prevezione degli infortuni sul lavoro, svolgendo anche le mansioni di responsabile delle pubbliche relazioni. Appassionato di dialetti italiani e di Letteratura Medievale, ha svolto numerose serate di divulgazione delle opere di Dante Alighieri presso la Biblioteca Allegri. Insegna "Divina Commedia" all'Università della terza Età UNITRÈ Arquata-Grondona. Ha scritto e pubblicato Racconti e Raccolte di Poesie (in lingua e vernacolo) .