CABELLA, Rinaldo

Rinaldo Cabella (di Giuseppe Cabella ed Angela Denegri / Serravalle Scrivia, 4 novembre 1916 / Nikolayevka, Russia, 25 gennaio 1943).

Calzolaio, operaio, Militare del Genio, disperso per fatti d’armi sul fronte Russo.

Rinaldo Cabella, figlio di Giuseppe Cabella ed Angela Denegri, nacque il 4 novembre 1916, a Serravalle. Di condizioni economiche molto umili, imparò il mestiere del calzolaio, lavorò anche come operaio. Richiamato alle armi il 28 giugno 1939, durante la guerra, venne arruolato come Geniere del 2° Reggimento, 124° Compagnia Artieri Alpina, reparto inquadrato della Divisione “Cuneense”. Venne dichiarato disperso a seguito di fatto d’armi il 25 gennaio 1943, a Nikolayevka, in Russia (Nella foto sopra tratta dal sito www.unirr.it, istantanea delle truppe italiane durante la ritirata di Russia). Lasciò la madre, casalinga, vedova, i fratelli Mario e Giacomo.

Come ricostruito dal sito www.regioesercito.it la Divisione “Cuneense” «…partecipò alla Campagna d’Etiopia, negli anni 1935 e 1936. Nel 1940, la Divisione risulta schierata nel sottosettore Maira. Partecipa al conflitto italo-francese occupando dal 22 giugno il vallone de Chabriere e il vallone de Mary. Nella seconda decade del mese di dicembre, la Divisione viene trasferita in Albania e avviata al fronte, tra il 15 e il 17 dicembre, con unità parziali divise tra Val Devoli, Cukae Groshiles. Nel 1941, a metà febbraio difende le posizioni di Bregu I Malli. Il 18 marzo, la Divisione viene trasferita nella zona di Berati ed a fine mese al confine albano-jugoslavo a Labinotie. Il 10 aprile valica il confine iugoslavo verso la conca di Debar. Cessate le operazioni la “Cuneense” si trasferisce prima nella zona di Elbasan e poi a Durazzo. Il 5 maggio inizia le operazioni di imbarco per l’Italia. Nel 1942 è trasferita sul fronte russo. In luglio raggiunge la zona di Izium e Uspenskaia, zona di affluenza del Corpo d’Armata alpino. Di riserva nella 8° Armata nella zona del Don si disloca a Millerowo. Dal 24 dicembre al 14 gennaio subisce attacchi di forze russe a nord di Nova Kalitva.  Nel 1943, dal 14 gennaio, a seguito della rottura del fronte in altro settore, arretra nella zona di Ternowka e poi verso Rossoch, Nikitovka. La ritirata avviene a continuo contatto e combattimento con forze russe. Il 26 gennaio presso Valujki la Divisione rompe il cerchio dello sbarramento russo. I resti della Divisione si raccolgono a Bolsche Troizkoje e a fine marzo rientrano in Italia…».

Fonti: Unione Nazionale Italiana Reduci di Russia – Reduci della Prigionia, Famiglie dei Caduti e dei Dispersi, Elenco dei Caduti e dei Dispersi; Ministero della Difesa, Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti, Banca Dati dei Caduti e Dispersi nella I e nella II guerra Mondiale; Archivio storico del Comune di Serravalle Scrivia.


Vai a CADUTI e DISPERSI in RUSSIA

Torna alla HOME