SENTIERI e PERCORSI – Al laghetto dei fiori di loto (o delle ninfee)

Oggi fa molto caldo ma io amo l’estate e camminare al sole non mi fa paura.

Ho saputo che i fiori di loto del laghetto de “La Marchesa” sono sbocciati e, come ogni anno, voglio andare ad ammirarli, ad immergermi in quell’oasi di pace a pochi passi da casa mia.

Quindi, faccio una telefonata e chiedo il permesso ai proprietari: il lago è privato e voglio fare le cose in regola.

Metto la borraccia in uno zaino, calzo scarpe da ginnastica e mi avvio.

Dalla Bollina prendo la strada del Castellone, a Serravalle la conoscono tutti, è molto frequentata da chi vuole camminare un po’ senza allontanarsi dal paese ma oggi, a quest’ora, non c’è nessuno perché fa davvero caldo: sono le tre del pomeriggio i camminatori più prudenti di me arriveranno più tardi.

Percorro l’asfalto fino al primo incrocio e svolto a sinistra, dopo il primo gruppo di case arrivo alla Madonnina e le regalo un girasole che ho raccolto a bordo strada. Riparto e mi fermo quando arrivo al recinto dei pony per salutarli. Uno di loro si avvicina , forse spera che io abbia qualcosa di buono da offrirgli ma non ho nulla e si allontana deluso.

Ora l’asfalto va in leggera discesa e dopo qualche decina di metri svolto sulla sterrata a sinistra per entrare nelle vigne e arrivo al casolare abbandonato dove faccio una sosta per bere un sorso d’acqua dalla mia borraccia. Proseguo sulla sinistra e poi a destra in discesa.

Il lago appare all’improvviso, è immerso nel verde delle palme sulla riva e dai molti alberi che gli fanno corona. Non c’è un alito di vento e il silenzio è quasi assoluto. Una papera nuota tranquilla seguita dai suoi paperotti, ogni tanto gracida una rana.

Mi siedo all’ombra e osservo gli enormi fiori rosa e bianchi, le grandi foglie che galleggiano a pelo d’acqua e quelle che si innalzano sulla riva.
Sembra un quadro di Monet.

I colori tenui non aggrediscono ma accarezzano gli occhi.

Mi fermo ancora un po’ per godere di questi momenti in perfetta solitudine dove i miei sensi si risvegliano e gli odori, i colori e i suoni mi coccolano delicatamente.

Bevo ancora un po’ d’acqua e decido di tornare, per oggi ho fatto il pieno di bellezza.

Attraverso il ponticello sulla destra e dal sentiero raggiungo una strada sterrata ai cui lati sorgono bellissime case. Invidio un pochino chi vive qui in campagna ma a poca distanza dal paese, chissà che cieli stellati possono ammirare!
Dopo la sterrata mi ritrovo sulla strada del Castellone, la percorro in senso contrario dell’andata e torno a casa.
Distanza 8,5 Km. Per vedere la mappa cliccare sul link sottostante.
https://it.wikiloc.com/percorsi-escursionismo/lago-dei-fiori-di-loto-77226005

Torna alla HOME