Alba sul borgo

Come perla preziosa nella valle
quieta ti svegli sotto il blu del cielo;
l’Alpe ti cinge di lontan le spalle
e la foschia t’avvolge come un velo.

Quanto antico silenzio in ogni calle
a quest’ora del giorno! Come scialle
di nonna è la neve che, nel gelo,
ricopre i monti, amata Serravalle.

Vedo le case sparse e, tra le viole,
ecco Maria Regina lungo l’erta
che mena su a Montei da Ca’ del Sole.

La luce ch’a quest’or ti rende incerta
s’insinua pertinace e come suole
indora i campanili e i cuori allerta.

Benito Ciarlo

Foto panoramica di Serravalle Scrivia scattata da Montespineto
Torna alla HOME

Benito Ciarlo

Calabrese di Montalto Uffugo (CS), dov'è nato nel 1950. Vive a Serravalle Scrivia (AL) dal 1968. Ha lavorato In Europa Metalli (ex Delta) come esperto di tutela dell'ambiente e responsabile della prevezione degli infortuni sul lavoro, svolgendo anche le mansioni di responsabile delle pubbliche relazioni. Appassionato di dialetti italiani e di Letteratura Medievale, ha svolto numerose serate di divulgazione delle opere di Dante Alighieri presso la Biblioteca Allegri. Insegna "Divina Commedia" all'Università della terza Età UNITRÈ Arquata-Grondona. Ha scritto e pubblicato Racconti e Raccolte di Poesie (in lingua e vernacolo) .