Avòri e Scrucouni

di Gianni Bobbio


Dop disnò soun gnüi a cá mè
Federicu ‘ncu so frè:
“A sem pasè per salutò”
Ma mi ö capiu chi vöa mangiò.
‘Ntu guaciò lu i strainza i ögi,
i soun pü tirchi che i pegögi
i staun a sentì pü che parlò
per nò consümose é fiò.
Di sò sodi lu in ne spaindai
soun gnüi chi, per fò merainda
Setè a tacu au tavulein
is tracana ‘n fiascu ‘d vein
Ug cura l’ögiu ‘nte è cantróe
i pia a pügnata du stüfò
I mangia e i pucia ‘d manimaune
i rzüa na meza mica ‘d paun.
Me muié ‘ncú ‘n bel surizu
a meta ‘n toa na turta ‘d rizu
I zghe sbriva da avultoi
I biasa e i bufa gmè dui toi
Ina bela cesta ‘d früta
a sparisa squezi tüta.
“Grasie ‘d l’uspitalità
a stemu bain e ‘ndemu a cà”
“Se im risaivi saimpre csì,
a gnimu turna giuvedì”
“Miai, che mi ‘nseme a Maria,
giovedì ‘ndemu via”
“E se vuiotri n’gai ‘d ritegnuchi
i truvai a porta ‘d legnu”
“Però mi av fasu na pruposta:
prima ‘d partì, mangiai a cà vostra”.

Immagine: Jacopo Ligozzi Allegoria dell’avarizia, olio su tela, New York, Metropolitan Museum of Art – Pubblico dominio (da wikipedia)

Traduzione in italiano
AVARI E SCROCCONI
Dopo pranzo sono venuti a casa mia
Federico con suo fratello:
“Siam passati per salutare”
Ma io ho capito che vogliono mangiare.
Nel guardare loro stringono gli occhi,

sono più tirchi che i pidocchi
stanno a sentire, più che parlare,
per non consumare fiato.
Dei loro soldi non ne spendono
son venuti qui per fare merenda
Seduti vicino al tavolino
si tracannano un fiasco di vino
Gli corre l’occhio alla credenza
e prendono la pentola dello stufato
Mangiano e pucciano un po’ per volta
e rosicchiano una mezza pagnotta.
Mia moglie, con un bel sorriso,
mette in tavola una torta di riso
Ci danno dentro da avvoltoi,
ruminano e sbuffano come due tori
Una bella cesta di frutta
sparisce quasi tutta
“Grazie dell’ospitalità
stiamo bene ed andiamo a casa”
“Se ci ricevete sempre così,
veniamo di nuovo giovedì”
“Guardate, che io, insieme a Maria,
giovedì andiamo via”
“E se voi non avete ritegno
qui trovate la porta di legno (chiusa)”
“Però io vi faccio una proposta:
prima di partire, mangiate a casa vostra”.

Torna a biografia G. Bobbio

Torna alla HOME

Benito Ciarlo

Calabrese di Montalto Uffugo (CS), dov'è nato nel 1950. Vive a Serravalle Scrivia (AL) dal 1968.