Ricette

(Questo indice, in ordine di data di pubblicazione, si aggiorna automaticamente)
Fin ora, nell’Enciclopedia, sono stati pubblicati le seguenti ricette:

  • Pasqua a tavola
    Una proposta di menù “multietnico” per i giorni di Pasqua e Pasquetta che comprende le ricette di alcuni tra i piatti della tradizione serravallese e di tutte le aree di provenienza di coloro che hanno scelto si abitare a Serravalle Scrivia, A voi la scelta e buon appetito: Antipasti (e Picnic di Pasquetta) Torta Pasqualina
  • Corzetti
    Come si preparano i Corzetti? Ce lo fa vedere la signora Marisa (la mamma di Luciano Camera, che ringraziamo) Ecco invece la ricetta, scritta da Roberto Pochettini, di Arquata I corzetti di Arquata sono simili ai corzetti serravallesi. I nostri però, a differenza degli arquatesi, sono sempre rigorosamente conditi col “tuku” o col pesto.
  • Frash’katula (Un piatto della tradizione calabrese)
    Col termine Frash’katula (dal francese “flasque” che vuol dire molle, moscio, proprio come la consistenza della la frash’katula) si intende, nella provincia di Cosenza. genericamente la Polenta, e, più specificatamente la “Polenta con le cime di rapa” (in realtà, a casa mia la si prepara anche con broccoli o con zucchine o con altre verdure a piacimento e perfino con i ceci lessi).
  • Cima alla genovese
    La Cima alla genovese è diventato un piatto classico anche di Serravalle Scrivia da tempo immemorabile. Contrariamente a quel che si pensa, la Cima è un piatto dalle umili origini perché veniva preparata utilizzando gli avanzi. Col tempo, tuttavia, è diventato un piatto da sciui sempre più arricchito, tanto da rappresentare una ghiotta specialità.
  • Pàun düse
    Il pàun düse – dolce natalizio di derivazione genovese – si preparava, nelle case di Serravalle nel periodo che va dalla festa di San Martino all’Epifania.
  • I “Turdiddri”
    Dolce tipico natalizio della tradizione calabrese
  • Ciorba de burta
    ZUPPA DI TRIPPA. Piatto della trazione RUMENA. Ricetta di Irina Dumitrascu
  • Kòrne al uzelètu
    Letteralmente il titolo significa carne all’uccelletto. E’ una ricetta di derivazione genovese.
  • Pandolce di San Martino
    Dolce della tradizione serravallese, prodotto dalla pasticceria Carrea.
  • Le “Patate ‘Mpacchiuse”
    Una leccornia cosentina molto appetitosa e le sue possibili varianti. Il metodo di preparazione illustrato non cambia al variare dell’ingrediente secondario, se usato.
  • A Fainò
    LA FARINATA – Un piatto tradizionale ligure fatto proprio dai serravallesi, nato per caso, sul mare, più di sette secoli fa.
  • Frakasöu
    E FRAKASOU piatto tradizionale serravallese nato durante il medioevo. È un piatto povero, prevalentemente natalizio, nato dal riutilizzo di frattaglie.
  • Vruocculi i rapi fritti ccu sazizza
    Un piatto calabrese, tradizionale anche in Puglia e in Campania.
  • U sankrò
    KRAUTI – Ricetta di SARITA FERRARI – Usare i cavoli soltanto se soun a e pontu giustu per fo u sankrò.
  • Friscêu
    FRITTELLE Ricetta di Emma Bricola Se invece di salarle, appena asciugate si cospargono di zucchero diventano “le frittelle di San Giuseppe”.
  • Spezghe a e furnu
    PESCHE AL FORNO – Ricetta di Anna Maria Ferrari
  • “Friti ‘nta negia” n.2
    FRITTI NELL’OSTIA – ricetta n.2 – semplificata)
  • “Friti ‘nta negia” n.1
    FRITTI NELL’OSTIA: Un piatto serravallese della tradizione, molto complicato ma ottimo, che si preparava solo nelle grandi occasioni:
  • Ricette del resto del mondo presente a Serravalle
    Qui vorremmo raccogliere quelle ricette dei “nuovi serravallesi” che sono diventate gradualmente patrimonio comune di tutta la gente che vive a Serravalle
  • Ricette della tradizione
    Il territorio di Serravalle è da sempre crocevia non solo geografico, ma anche umano, tra regioni, genti e tradizioni diverse ma vicine.

Benito Ciarlo

Calabrese di Montalto Uffugo (CS), dov'è nato nel 1950. Vive a Serravalle Scrivia (AL) dal 1968.